News Normative

gestione ambientale

Un’indagine condotta dall’ente di certificazione DNV GL con il supporto di GFK Eurisko ha rivelato che alle aziende oggi è sempre più richiesto di dimostrare la sostenibilità della propria catena di approvvigionamento, ma le aziende non sono ancora strutturate per rispondere a questa nuova esigenza di mercato.

Cresce l’attenzione dei consumatori e più in generale di tutti gli stakeholder all’impatto dei prodotti.

Le aziende si devono adattare e integrare la sostenibilità sociale e ambientale della propria supply chain.

supply chain sostenibile

Da una ricerca internazionale, condotta dall’ente di certificazione DNV GL con il supporto dell’istituto di ricerca GfK Eurisko su circa 1.400 professionisti nei mercati di Europa, Asia e America di diversi settori e dimensioni, è emersa chiaramente questa tendenza: nove professionisti su dieci affermano che la sostenibilità nella supply chain è tenuta in grande considerazione nelle loro decisioni di acquisto.

In Italia la ricerca ha evidenziato che, per oltre nove aziende su dieci, la sostenibilità è un aspetto tenuto in considerazione nelle decisioni di acquisto, in misura “molto rilevante” per un’impresa su tre. Solo il 4% delle aziende coinvolte nell’indagine ha intrapreso azioni per migliorare la sostenibilità su tutti i livelli della propria supply chain, mentre il 9% ha toccato la maggioranza dei fornitori di primo livello, quelli da cui acquistano direttamente.

A livello globale la pressione esercitata dai consumatori sta dando i frutti sperati, l’81 per cento delle aziende interpellate ha infatti intrapreso almeno un’azione per migliorare la sostenibilità lungo la propria catena. Ma solo il 7 per cento degli intervistati ha raggiunto tutti i livelli della filiera, solitamente le iniziative sono limitate ai fornitori di primo livello.

 

percentuali ricerca sostenibilità supply chain

 

 

Anche in Italia sette imprese su dieci hanno avviato almeno un’azione per migliorare la sostenibilità nella propria supply chain. Anche in questo caso però le azioni non riguardano tutta la catena di fornitura. “L’iniziativa più comune è costituita dagli audit sui fornitori, con il 33 per cento delle imprese italiane che dichiara di averne intrapreso uno negli ultimi tre anni – si legge nel rapporto – seguono, la richiesta diretta ai propri fornitori di informazioni e dati (26 per cento) e l’adozione e la comunicazione di una policy ad hoc”.

Le iniziative si possono quindi definire di portata limitata e guidate da un approccio di tipo auto-gestito e poco strutturato.

“La sostenibilità nelle supply chain non può essere più considerata un’attività su base volontaria, le aziende che hanno conseguito effetti positivi sono quelle che si contraddistinguono per un approccio più sistematico. Gestire questi aspetti in modo strategico e con approccio olistico permette di affrontare i rischi in maniera più efficace e di coglierne i benefici e al contempo rispondere ai requisiti legislativi e alle richieste degli stakeholder e del mercato globale”. Questo quanto affermato da Luca Crisciotti, Ceo di DNV GL.

Una corretta gestione del tema poggia sul concetto di Green Supply Chain, un approccio gestionale che punta a minimizzare l’impatto ambientale di un prodotto lungo il suo ciclo di vita detto anche Life Cycle, quest’ultimo entra a far parte a pieno titolo dei parametri importanti per le aziende e il focus si sposta dalla singola azienda al sistema di attori a monte e a valle. Gli impatti ambientali di un prodotto si accumulano lungo la catena di relazioni interne ed esterne all’azienda, sotto forma di rifiuti, emissioni, consumi lungo tutta la catena del valore, dalla materia prima, allo smaltimento del prodotto a fine vita.

Le difficoltà di estendere la supply chain ai fornitori

Già da anni il Global Compact Corporate Sustainability Report 2013 parla infatti di un’attenzione ai massimi livelli sull’argomento. Il problema è che buona parte delle 1.700 aziende e 750 CEO coinvolti nello studio trova oggettive difficoltà nel raggiungere gli obiettivi che si sono posti, soprattutto per quanto riguarda la supply chain.

Tra le ragioni, la mancanza di familiarità con l’argomento e la disponibilità di informazioni a cui ispirarsi, ma anche a partire dai quali costruire una strategia.

La scarsità di riferimenti si prospetta quindi come il principale ostacolo.
La complessità e la dimensione raggiunte dalle catene di approvvigionamento, infatti, fanno sì che nel momento in cui un’azienda decide di iniziare a raccogliere informazioni sui fornitori e relativi partner, si trova rapidamente sommersa da una quantità di dati difficile da gestire.
Recentemente, sono state introdotte anche le Linee Guida G4 del GRI, che richiedono una maggiore attenzione alla sostenibilità lungo tutta la supply chain.

Nord Pas può offrire supporto a questa importante attività sia con una serie di servizi, sia con strumenti operativi.

Tra i servizi: la mappatura fornitori, la definizione dei requisiti, la raccolta ed elaborazione dei dati, reportistica e KPI. A livello di prodotto: disponiamo di uno strumento web Q-81 e del Portale Appaltatori Q-81. Quest’ultimo permette di:

  • profilare richieste dati ai fornitori
  • relazionarsi con i fornitori in tempo reale attraverso una piattaforma condivisa per la raccolta dati
  • avviare azioni di engagement verso i fornitori.

prodotti a supporto supply chain

 

Richiedi maggiori informazioni ai nostri esperti.

Per approfondire il tema supply chain giovedì 13 febbraio alle 17.00 presso il Polo Tecnologico di Pordenone workshop gratuito:

Sostenibilità in Azione: casi pratici di efficienza logistica.

https://www.eventbrite.it/e/biglietti-sostenibilita-in-azione-casi-pratici-di-efficienza-logistica-92675891085

sicurezza cantieri salute

 

A breve la norma ISO 45001:2018 sostituirà la OHSAS 18001:2007 che non sarà più valida dal 12 marzo 2021.

Le organizzazioni già certificate secondo la norma OHSAS 18001 hanno avuto 3 anni a disposizione per effettuare il passaggio e transizione alla norma ISO 45001.

Durante il processo di migrazione saranno valide sia le certificazioni emesse a fronte della ISO 45001:2018 sia quelle rilasciate secondo la BS OHSAS 18001:2007. Le certificazioni emesse secondo il vecchio standard, dopo il 12 marzo 2018, dovranno riportare la data di scadenza dell’11 marzo 2021.
Inoltre, a partire dal 12 marzo 2020, gli audit dei sistemi di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro potranno essere eseguiti solo secondo i requisiti della norma ISO 45001:2018.

Timeline migrazione OHSAS 18001 NordPas

Quali sono le principali  differenze tra OHSAS 18001 e ISO 45001?

La vera novità della norma UNI ISO 45001 è riassumibile nell’approccio basato sulla valutazione del rischio (Risk-Based Thinking – RBT) e di fatto le principali differenze con la norma OHSAS 18001 sono rappresentate proprio da:

  1. analisi del contesto dell’organizzazione (contesto interno, contesto esterno ed esigenze/aspettative delle parti interessate)
  2. approccio basato sulla valutazione di rischi e opportunità (introduce l’obbligo di valutare i rischi ed eventuali opportunità che possano influenzare positivamente o negativamente l’organizzazione stessa rispetto al raggiungimento degli obiettivi aziendale ed al miglioramento continuo

La norma UNI ISO 45001 è stata infatti l’ultima in ordine di tempo (nel 2018) ad aver recepito la cosiddetta Struttura ad Alto Livello (HLS – High Level Structure) che si fonda sull’approccio al rischio e che, nel 2015, ha dapprima interessato la UNI ISO 9001 (Sistema di gestione per la Qualità) e successivamente la UNI ISO 14001 (Sistema di gestione per l’Ambiente) permettendo di creare omogeneità tra le norme.

La struttura ad alto livello HLS si compone di:

  1. Scopo e campo di applicazione
  2. Riferimenti normativi
  3. Termini e definizioni
  4. Contesto dell’organizzazione
  5. Leadership e partecipazione dei lavoratori
  6. Pianificazione
  7. Supporto
  8. Attività operative
  9. Valutazione delle prestazioni
  10. Miglioramento

Nel caso in cui, quindi, le aziende siano certificate secondo diversi standard l’obiettivo è quello di creare un Sistema di Gestione Integrato in modo tale sia di snellire la documentazione interna che di limitare i costi.

Al di là dei predetti aspetti di novità, la norma UNI ISO 45001 ripropone diversi requisiti già presenti nella BS OHSAS 18001 ma evidenziandoli in una prospettiva differente, ossia con maggior attenzione e sistematicità rispetto al passato. Tra questi:

  • La leadership e all’impegno dell’alta Direzione che la UNI ISO 45001 esprime con enfasi e chiarezza, richiamando l’attenzione in modo esplicito, puntuale e vincolante sulla necessità che l’impegno sia concreto e tangibile.
  • La partecipazione e la consultazione dei lavoratori per i quali la norma BS OHSAS 18001 era meno ampia e si limitava ad indicare alcuni aspetti sui quali i lavoratori avrebbero dovuto essere consultati. La norma UNI ISO 45001 al punto 5.4 definisce in modo preciso e puntuale le attività nelle quali dovranno essere favorite rispettivamente la consultazione e la partecipazione dei lavoratori.
  • Particolare rilevanza è data alla gestione del cambiamento, degli appaltatori e dell’outsourcing per i quali sono stati definiti punti norma autonomi, a differenza della BS OHSAS 18001 che citava questi aspetti all’interno di altri requisiti di carattere più generale

Ciò premesso, è evidente come, la migrazione dalla norma BS OHSAS 18001 alla UNI ISO 45001 non possa prescindere dal coinvolgimento dell’alta Direzione nell’analisi del contesto interno ed esterno e nell’analisi delle esigenze e aspettative delle parti interessate in un’ottica di valutazione di rischi e opportunità. L’implementazione della nuova norma dovrebbe anzi essere “calata dall’alto” come esigenza esplicita dell’alta Direzione stessa.

Solo successivamente si potrà procedere all’adeguamento del sistema documentale ossia delle procedure esistenti, frutto dell’applicazione della BS OHSAS 18001, al fine di rendere i processi conformi alla nuova norma UNI ISO 45001.

Sintesi delle FASI di MIGRAZIONE

Schematizzando, le fasi necessarie alla migrazione dalla norma BS OHSAS 18001 alla UNI ISO 45001 si possono riassumere come segue:

FASI MIGRAZIONE 18001

 

Chi è soggetto alla certificazione ISO 45001

La certificazione secondo lo standard ISO 45001 è prevista per:

  • Le aziende già dotate di un Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza sui Luoghi di Lavoro secondo lo standard OHSAS 18001:2007 le quali dovranno effettuare una migrazione allo standard ISO 45001 entro 3 anni dalla sua data di pubblicazione ovvero entro l’11 marzo 2021. Per le organizzazioni che non adeguano il proprio sistema di gestione per la sicurezza ai requisiti previsti dal nuovo standard ISO 45001 entro i tempi fissati il certificato in essere sarà completamente annullato e l’iter volto all’ottenimento della certificazione ISO 45001:2018 dovrà essere percorso ex novo;
  • Le aziende che decidano di certificarsi per la prima volta secondo un sistema di gestione per la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro a partire dal 12 marzo 2020
  • Tutte le aziende che intendono certificarsi superata la data limite del 12 marzo 2021, ovvero superato il periodo di transizione tra la OHSAS e la ISO 45001 previsto da quest’ultima norma.

Per ulteriori approfondimenti sulla migrazione si può consultare la Circolare informativa N° 3/2018 Migrazione alla UNI ISO 45001:2018 delle certificazioni emesse sotto accreditamento ACCREDIA e transizione al documento IAF MD 22:2018

Ti aiuteremo a migrare o a implementare ex novo un sistema di gestione.

Perché è importante dotarsi di un certificato di sicurezza sul lavoro?

Il SGSSL (SISTEMA DI GESTIONE SICUREZZA SUL LAVORO) è strategico per la sopravvivenza ed il miglioramento dell’azienda.

I sistemi SGSSL si sono dimostrati estremamente efficaci nel prevenire infortuni e malattie professionali come dimostra uno studio effettuato dall’INAIL che prova come le aziende che hanno un sistema di gestione hanno indici di frequenza (If) e di gravità(Ig) notevolmente più bassi rispetto alle aziende omologhe a livello nazionale con decrementi, spesso a due cifre; un miglioramento delle condizioni lavorative e conseguente abbattimento dei costi sociali (ed economici) assolutamente degno di attenzione.

FONTE : INAIL

TAB. 1 INAIL
gestione ambientale

Il mondo finanziario e le sue logiche cambieranno molto prima del clima: verso un  RATING ESG.

Ad affermarlo è Larry Fink (co-fondatore, ceo e presidente di BlackRock) che, nella sua lettera annuale ai ceo, mette nero su bianco come il cambiamento climatico stia portando a una profonda rivalutazione del rischio e del valore degli asset. E’ innegabile l’impatto delle politiche legate al clima sui prezzi, sui costi e sulla domanda dell’economia nel suo complesso.

Le banche centrali a loro volta stanno diventando sempre più sensibili al tema nella loro asset allocation e questo getta le basi per un ingente spostamento di capitali verso asset sostenibili.

Come la finanza cambierà le logiche HSE

“Sempre più clienti stanno cercando di riallocare i propri investimenti in strategie sostenibili” spiega ancora Fink. “Se il dieci per cento degli investitori globali lo facesse – o addirittura il cinque per cento – assisteremmo a massicci spostamenti di capitale”.  L’evoluzione sembra essere sempre più un capitalismo responsabile.

In questo contesto che ruolo deve avere l’asset management?

La parola chiave, secondo Fink, è trasparenza. Nel tempo gli investimenti sostenibili daranno più soddisfazioni ed è convinto che integrare la sostenibilità aziendale nei portafogli possa fornire agli investitori i migliori rendimenti.

Ancora una volta la sostenibilità ambientale e i criteri di valutazione ESG oriented si confermano al centro della scena sia in ambito di filosofia di investimento, di costruzione dei portafogli  e di risk management.

Cosa comporta questa evoluzione per le aziende?

Investire in sostenibilità semplifica e facilita l’accesso al mercato del credito e alle risorse finanziarie.

Il sistema creditizio sta dando segnali chiari: presto il rating bancario non si baserà più solo su dati quantitativi ma diventeranno sempre più importanti i dati qualitativi, che in un futuro breve si tradurranno in un vero e proprio RATING DI SOSTENIBLITA’.

E’ quanto annunciato dal ceo dell’istituto di credito Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, in occasione dell’iniziativa Intesa Sanpaolo motore per lo sviluppo sostenibile e inclusivo”. “Siamo pronti a finanziare le aziende italiane che decidono di investire in questo settore perche’ riteniamo che la somma destinata dalla Commissione europea sarebbe di circa 150 mld e noi possiamo tranquillamente sostenere 50 mld di supporto alle aziende italiane che vogliono investire in questo settore”, ha comunicato il top manager. ”

Avendo investito per primi nella economia circolare siamo riusciti a finanziere molte aziende che su questo si sono dedicate e secondo me lavorare su queste tematiche e’ un volano di sviluppo per il Paese. Oggi tutti i grandi investitori istituzionali guardano con grande interesse a queste tematiche che rappresentano il futuro.”

Gestire e misurare per agevolare la rendicontazione.

Nasce quindi l’esigenza per le aziende di gestire e misurare dati nuovi a supporto di una corretta ed efficace rendicontazione degli interventi a favore della sostenibilità aziendale. Nord Pas  possiede le competenze e strumenti specifici per supportare le aziende in questo delicato passaggio, verso uno sviluppo sostenibile.

Oltre 20 anni di esperienza e una solida rete di partner strategici ci rende l’interlocutore ideale per implementare i sistemi di rendicontazione di parametri sia tecnici che qualitativi. In particolare disponiamo di uno strumento digitale per la redazione del Bilancio di Sostenibilità.

    • Conosci le logiche ESG ?
    • Sai quali sono i pilastri della sostenibilità?

 

gestione ambientale
Il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare ha comunicato il 09 gennaio 2020 che il Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD), allegato al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 24 dicembre 2018, è confermato e dovrà essere utilizzato per le dichiarazioni da presentare, entro il 30 aprile 2020, con riferimento all’anno 2019.

deposito incontrollato rifiuti

La struttura del Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD)

Il Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD) 2020 sarà articolato come per precedente modello del 2019, secondo le istruzioni del Decreto del Presidente del Consiglio del 24 dicembre 2018, pubblicato sulla G.U. del 22 febbraio 2019.

IL MUD 2020 sarà così organizzato:

  • Struttura del modello in 6 Comunicazioni:
    • Comunicazione Rifiuti
    • Comunicazione Veicoli Fuori Uso
    • Comunicazione Imballaggi, composta dalla Sezione Consorzi e dalla Sezione Gestori Rifiuti di imballaggio.
    • Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche
    • Comunicazione Rifiuti Urbani, Assimilati e raccolti in convenzione
    • Comunicazione Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche
  • Informazioni da trasmettere.
  • Soggetti obbligati alla presentazione del MUD, che sono quelli definiti dall’articolo 189 comma 3 del D.lgs. 152/2006 ovvero trasportatori, intermediari senza detenzione, recuperatori, smaltitori, produttori di rifiuti pericolosi, produttori di rifiuti non pericolosi da lavorazioni industriali, artigianali e di trattamento delle scorie con più di 10 dipendenti, Comuni.
  • Modalità per l’invio delle comunicazioni: in particolare le Comunicazioni Rifiuti, RAEE, Imballaggi, Veicoli fuori uso vanno inviate via telematica tramite il sito www.mudtelematico.it; la comunicazione rifiuti semplificata va compilata tramite il sito mudsemplificato.ecocerved.it e trasmessa via PEC all’indirizzo comunicazionemud@pec.it.

Maggiori informazioni possono essere reperite alla pagina dedicata del Ministero: qui.

registri carico scarico rifiuti

Cosa fare entro il 30 aprile 2020

Nord Pas dispone di tecnici qualificati nella materia ambientale, ed in particolare nella gestione dei rifiuti , che possono supportare la clientela ad ottemperare agli obblighi normativi sopraelencati: il servizio parte dall’analisi del ciclo produttivo e comprende classificazione e caratterizzazione del rifiuto per arrivare agli adempimenti formali, come la tenuta dei registri di carico e scarico e il MUD. Nei prossimi mesi, i clienti convenzionati possono consegnare a Nord Pas copia dei registri di carico e scarico e i nostri tecnici provvederanno all’invio del MUD entro il 30 aprile 2020.

E’ importante ricordare che, come trattato in un precedente articolo, il legislatore ha ricompreso fra tutti gli illeciti individuati dal D.Lgs. 231/01 anche i reati relativi alle violazioni ascrivibili al ciclo dei rifiuti (es. raccolta, trasporto, recupero, smaltimento di rifiuti senza autorizzazione, traffico illecito di rifiuti…) prevendendo sanzioni pecuniarie e sanzioni amministrative interdittive fino a 2 anni. Il riferimento è all’art. 25 undecies che tratta esplicitamente dei Reati ambientali (Articolo introdotto dal d.lgs. n. 121 del 7 luglio 2011) richiamando esplicitamente le previsioni del D.Lgs 152/2006 (Norme in materia ambientale) e di altre normative specifiche.

Per questa ragione è importante avere uno strumento come Q-81 HSE WEB APP con il quale è possibile tenere sotto controllo le scadenze relative al ciclo dei rifiuti come la Dichiarazione Ambientale (MUD) con il modulo Segnalazioni, Non Conformità, Azioni

sicurezza cantieri salute

E’ entrato in vigore il 21/12/2019 il Decreto del Ministero dell’Interno dell’8 novembre 2019 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la realizzazione e l’esercizio degli impianti per la produzione di calore alimentati da combustibili gassosi“. Il decreto aggiorna le disposizioni di sicurezza antincendi per gli impianti per la produzione di calore alimentati a combustibile gassoso con portata termica superiore a 35 kW precedentemente regolamentati nel decreto ministeriale 12 aprile 1996.

Ai sensi del nuovo DM 8/11/2019, art. 5,  gli impianti esistenti devono essere resi conformi alle indicazioni della nuova regola tecnica, salvo alcune eccezioni. I tecnici di Nord Pas sono in grado di supportare i clienti per un’analisi più approfondita dei loro impianti.

In sintesi questo provvedimento è così articolato:

Campo di applicazione

Come specificato all’articolo 1, il decreto si applica alla progettazione, realizzazione ed esercizio degli impianti per la produzione di calore civili extradomestici di portata termica complessiva maggiore di 35 kW alimentati da combustibili gassosi della 1a, 2a e 3a famiglia con pressione non maggiore di 0,5 bar, asserviti a:

a) climatizzazione di edifici e ambienti;
b) produzione di acqua calda, acqua surriscaldata e vapore;
c) cottura del pane e di altri prodotti simili (forni) ed altri laboratori artigiani;
d) lavaggio biancheria e sterilizzazione;
e) cottura di alimenti (cucine) e lavaggio stoviglie, anche nell’ambito dell’ospitalità professionale, di comunità e ambiti similari.

Il Mistero ha espressamente specificato che il decreto NON si applica agli:
a) impianti realizzati specificatamente per essere inseriti in cicli di lavorazione industriale;
b) impianti di incenerimento;
c) impianti costituiti da stufe catalitiche;
d) impianti costituiti da apparecchi di tipo A ad eccezione di quelli per il riscaldamento realizzati con diffusori radianti ad incandescenza.

regola tecnica impianti gassosi

Obiettivi della regola tecnica

Il legislatore, all’art.2 ha voluto esplicitare gli obiettivi della regola tecnica, che comprendono la salvaguardia delle persone, beni e la sicurezza dei soccorritori contro i rischi di incendio ed esplosione  ma  riguardano anche la realizzazione degli impianti in modo da:

      • evitare, nel caso di fuoriuscite accidentali di combustibile gassoso, accumuli pericolosi del combustibile medesimo nei luoghi di installazione e nei locali direttamente comunicanti con essi;
      • limitare, in caso di evento incidentale, danni alle persone;
      • limitare, in caso di evento incidentale, danni ai locali vicini a quelli contenenti gli impianti;
      • garantire la possibilità per le squadre di soccorso di operare in condizioni di sicurezza.

Prodotti antincendio: quali utilizzare?

Infine, l’art. 4 fornice le indicazioni sui prodotti per uso antincendio, impiegati negli impianti sui quali ricade il decreto: vanno identificati univocamente sotto la responsabilità del fabbricante, qualificati in relazione alle prestazioni, accettati dal responsabile dell’attività.
Il loro impiego è consentito se gli stessi sono utilizzati conformemente all’uso previsto e devono essere conformi alle disposizioni comunitarie applicabili oppure alle apposite disposizioni nazionali applicabili, già sottoposte con esito positivo alla procedura di informazione di cui alla direttiva (UE) 2015/1535 oppure legalmente commercializzati in un altro Stato membro dell’Unione europea.

sicurezza cantieri salute

La Commissione Interpelli nella seduta del 02/12/2019 ha risposto a due quesiti sulla comunicazione del medico competente dei dati relativi alla sorveglianza sanitaria: cosa succede nel caso di avvicendamento tra medici o nel caso non sia stata effettuata alcuna sorveglianza? Come gestire al meglio le scadenze della sorveglianza sanitaria?

I quesiti posti alla Commissione Interpelli

L’Articolo 40, comma 1, del D.Lgs 81/08 “Rapporti del medico competente con il Servizio sanitario nazionale” disciplina l’obbligo qui riportato:

Entro il primo trimestre dell’anno successivo all’anno di riferimento il medico competente trasmette, esclusivamente per via telematica, ai servizi competenti per territorio le informazioni, elaborate evidenziando le differenze di genere, relative ai dati collettivi aggregati sanitari e di rischio dei lavoratori, sottoposti a sorveglianza sanitaria secondo il modello in ALLEGATO 3B.

L’Associazione sindacale CIMO (Sindacato dei medici) ha formulato istanza di interpello per conoscere il parere della Commissione in merito ai seguenti quesiti:

  1. a quale Medico Competente spetta la comunicazione dei dati di cui detto in precedenza [ex art. 40 ] nel caso di avvicendamento avvenuto nel corso dell’anno e, comunque, prima della data di scadenza dell’invio (31 marzo)?
  2. l’invio dei dati deve essere effettuato anche qualora nell’anno precedente non sia stata svolta alcuna attività di sorveglianza sanitaria?.

sorveglianza sanitaria scadenze

Le risposte della Commissione Interpelli

La Commissione Interpelli, prima della formulazione della risposta, fornisce alcune premesse normative richiamando le disposizioni già esistenti sul tema sia nel D.lgs 81/08 sia nei provvedimenti del Ministero della Salute. Si rimanda la documento completo per un loro approfondimento.

In seguito specifica che, per quanto riguarda il primo quesito, l’art. 40 sopraccitato non disciplina esplicitamente il caso di avvicendamento tra emdici competenti, tuttavia in un’ottica prettamente operativa, vie fatto presente che l’INAIL “ha già fornito (sul proprio sito istituzionale) indicazioni al riguardo, precisando che: ‘L’obbligo sussiste in capo al medico competente risultante in attività allo scadere dell’anno interessato dalla raccolta delle informazioni, che devono essere trasmesse entro il trimestre dell’anno successivo“.

Parimenti la Commissione rimanda alle disposizioni operative dell’INAIL anche per il secondo quesito evidenziando che: “Dal momento che l’art. 40 prescrive l’invio delle informazioni relative ai dati collettivi aggregati sanitari e di rischio dei lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria nell’anno, dovendosi intendere per sorveglianza sanitaria ‘l’insieme degli atti medici finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori in relazione all’ambiente di lavoro, ai fattori di rischio professionali e alle modalità di svolgimento dell’attività lavorativa” anche nel caso di non effettuazione di visite mediche nell’anno, vige l’obbligo di invio dei dati inerenti l’esposizione ai rischi lavorativi specifici”. In sostanza anche la Commissione interpelli chiarisce che “l’obbligo permane anche nel caso in cui non sia stata effettuata sorveglianza sanitaria nell’anno di riferimento, tenuto conto che il modello 3B prevede l’inserimento di ulteriori informazioni anche di carattere più generale”.

Le scadenze della sorveglianza sanitaria

La scadenza oggetto dell’interpello qui sopra esposto (invio dell’allegato 3B) è solo una delle numerose scadenze legate alla gestione della sorveglianza sanitaria. Per questa esigenza è stato sviluppato un modulo specifico all’interno di Q-81 HSE WEB APP relativo alla Gestione delle sorveglianza sanitaria.

Questo modulo consente la gestione completa della sorveglianza sanitaria – lato azienda: visite mediche, protocolli sanitari, accertamenti sanitari con relativi scadenzari, gestione delle limitazioni, prescrizioni e sensibilità, pianificazione delle visite ed invio di notifiche al medico ed ai lavoratori (con il Tool Alert e Sincronizzazioni).

Il modulo è sincronizzabile con il software leader per la medicina del lavoro CartSan il quale offre numerosi modelli predefiniti per il medico competente, tra cui l’allegato 3B di cui sopra.

sicurezza cantieri salute

A seguito dell’entrata in vigore del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 151, che ha disposto l’abolizione del Registro infortuni (articolo 21, comma 4), al fine di offrire agli organi preposti all’attività di vigilanza uno strumento alternativo in grado di fornire dati e informazioni utili a orientare l’azione ispettiva, con la circolare del 23 dicembre 2015, n 92, L’INAIL ha rilasciato l’applicativo informatico “Cruscotto infortuni” attraverso il quale è possibile consultare gli infortuni occorsi ai dipendenti, denunciati all’INAIL dal datore di lavoro, secondo quanto previsto dall’ articolo 53 del decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1965, n. 1124.

A decorrere dal 17 dicembre 2019 è stata rilasciata un’implementazione al servizio telematico “Cruscotto infortuni” che consentirà agli utenti abilitati per la consultazione delle denunce di infortunio e ai datori di lavoro di soggetti non assicurati INAIL, di consultare i dati riguardanti le comunicazioni d’infortunio a fini statistici e informativi, pervenute telematicamente all’INAIL partire dal 12 ottobre 2017.

Quali infortuni devono essere comunicati / denunciati?

A seguito della nuova formulazione dell’art. 19 del D.lgs 81/08 (così come discende dal decreto legge 30 dicembre 2016, n. 244 e provvedimenti susseguenti), tutti i datori di lavoro, compresi i datori di lavoro privati di lavoratori assicurati presso altri enti o con polizze private, nonché i soggetti abilitati a intermediazione, sono tenuti a comunicare in via telematica all’INAIL, (…) nonché per loro tramite al sistema informativo nazionale per la prevenzione nei luoghi di lavoro di cui all’articolo 8, entro 48 ore dalla ricezione del certificato medico, a fini statistici e informativi, i dati e le informazioni relativi agli infortuni sul lavoro che comportino un’assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell’evento. Tale disposizione discende dagli obblighi di cui all’art. 18 “Obblighi del datore di lavoro”, co.1, lettera r), del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81.

infortunio chiamata emergenza

La comunicazione di infortunio deve essere inoltrata dal datore di lavoro all’INAIL in caso di infortuni sul lavoro dei lavoratori, dipendenti o assimilati, che siano prognosticati guaribili entro tre giorni escluso quello dell’evento. Per gli infortuni con prognosi oltre tre giorni, escluso quello dell’evento, è necessario inoltrare la “Denuncia/comunicazione di infortunio”

Con circolare 12 ottobre 2017, n. 42, l’INAIL ha reso disponibile ai datori di lavoro assicurati all’Istituto e ai datori di lavoro privati di lavoratori assicurati presso altri enti o con polizze private, nonché ai loro intermediari, il nuovo servizio telematico “Comunicazione di infortunio“, quale esclusivo strumento volto a inviare, per fini statistici e informativi, la comunicazione di infortunio occorso ai propri dipendenti, nonché ai soggetti a essi equiparati.

I tecnici Nord Pas sono a dispsoizone per supportare i clienti che devono gestire questi adempimenti.

Il nuovo cruscotto infortuni INAIL

Al fine di rendere lo strumento “Cruscotto infortuni”, utile anche all’attività di vigilanza sull’applicazione della legislazione in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, a decorrere dal 17 dicembre 2019 l’INAIL ha rilasciato un’implementazione al servizio telematico “Cruscotto infortuni” che consentirà di consultare i dati riguardanti le comunicazioni d’infortunio a fini statistici e informativi, pervenute telematicamente all’INAIL a partire dal 12 ottobre 2017, ai seguenti soggetti:

      • agli utenti abilitati per la consultazione delle denunce di infortunio: ispettore (INAIL, Asl, Ufficiali di polizia giudiziaria, Carabinieri in forza presso il Ministero del lavoro, Ispettorato nazionale del lavoro c/o le DTL)
      • Datori di lavoro (gestione IASPA; gestione per conto dello Stato; gestione agricoltura)
      • Intermediari dei datori di lavoro (consulenti del lavoro, associazioni di categoria ecc.).
      • Datori di lavoro di soggetti non assicurati INAIL.

Questa implementazione garantirà un migliore accesso ai dati e l’utilizzo fruttuoso degli stessi per indagini a fini statistici e informativi, sia all’interno dell’azienda sia per l’attività di vigilanza.

Come gestire al meglio un infortunio sul luogo di lavoro?

Q-81 HSE WEB APP è un valido strumento per consentire all’organizzazione un’analisi puntuale e approfondita in caso di infortuni o quasi-infortuni occorsi al personale. Infatti, anche se gli obblighi di comunicazione all’INAIL sono stringenti e la consultazione del “Cruscotto infortuni” consente di reperire dati e statistiche, tuttavia, l’azienda può avere la necessità di approfondire ulteriormente le cause ma soprattutto di gestire in modo chiaro e documentato le azioni conseguenti all’evento infortunistico.

analisi infortuni statistica

Con i moduli di Gestione Infortuni e Malattie e Gestione Eventi è possibile tracciare tutto l’evento infortunistico e attribuire ruoli e responsabilità nell’analisi e nel follow up.

sicurezza cantieri salute

Come già visto in un precedente articolo non si chiamerà più OT24 ma OT23 il modello utile per le istanze di riduzione del tasso medio di tariffa. Il nuovo modello sarà utilizzabile dalle aziende fino al 29 febbraio 2020 per comunicare gli interventi migliorativi in materia di salute e sicurezza dei lavoratori.

Quali sono i prerequisiti che l’azienda deve possedere per accedere alla riduzione del tasso INAIL?

Nel modulo di domanda l’azienda dichiara di essere consapevole che il riconoscimento della riduzione è subordinato all’accertamento degli obblighi contributivi e assicurativi, all’osservanza delle norme di prevenzione infortuni e di igiene del lavoro e all’attuazione di interventi di miglioramento delle condizioni di sicurezza e di igiene dei luoghi di lavoro.

risparmio incentivi imprese tasso inail

 

In dettaglio i prerequisiti necessari sono:

  • Regolarità contributiva: la riduzione è concessa solo dopo l’accertamento dei requisiti di regolarità contributiva del datore di lavoro richiedente, secondo i criteri e le modalità previste dal decreto interministeriale 30 gennaio 2015 e s.m.i., in attuazione del comma 2 dell’articolo 4 del decreto legge 34/2014, come precisato nella circolare INAIL n. 61 del 26 giugno 2015. La verifica di regolarità è attivata dall’Istituto nel periodo che intercorre tra il 1° e il 30 aprile dell’anno di presentazione della domanda. In ogni caso, la regolarità deve sussistere alla data di adozione del provvedimento di accoglimento della domanda di riduzione del tasso per prevenzione.
  • Conformità in materia di prevenzione infortuni e di igiene del lavoro: l’azienda deve osservare tutte le disposizioni obbligatorie in materia di salute e sicurezza sul lavoro,  con riferimento alla situazione presente alla data del 31 dicembre dell’anno precedente quello di presentazione della domanda. Tale requisito è ovvio considerando che, gli interventi oggetto di bonus devono riguardare il miglioramento continuo al di là dei vincoli legislativi.

Se vuoi sapere se la tua azienda possiede i prerequisiti per accedere alla domanda di riduzione del tasso INAIL clicca qui:

Il nuovo modello OT23

Conseguentemente alla revisione del sistema delle tariffe dei premi INAIL, introdotta dal D.I. 27/2/2019, sono state unificate all’articolo  23 le azioni/attività che portavano alla riduzione del tasso INAIL per prevenzione  sia per le attività presenti da meno di un biennio di attività dall’art. 20 (ex Modello OT20) sia per le attività con più di un biennio di attività dall’art. 24 (ex Modello OT24).

Il nuovo Modello OT23 vale, dunque, per tutte le imprese, sia nel primo biennio di attività della PAT sia dopo il primo biennio di attività, e prevede l’attuazione di azioni migliorative per prevenzione che riprendono quelle del Modello OT24 dell’anno scorso, salvo alcune modifiche che approfondiremo in questo articolo.

L’articolo 23 delle Modalità per l’applicazione delle Tariffe, approvate con decreto interministeriale del 27.02.2019, prevede una riduzione del tasso medio di tariffa per le aziende che hanno effettuato interventi per il miglioramento delle condizioni di sicurezza e di igiene nei luoghi di lavoro, in aggiunta a quelli previsti dalla normativa in materia; tali attività devono essere state effettuate dal 01.01.2019 al 31.12.2019.

Per accedere alla riduzione, l’azienda deve presentare un’apposita istanza (Modulo per la riduzione del tasso medio per prevenzione), esclusivamente in modalità telematica, attraverso la sezione Servizi Online presente sul sito www.inail.it, entro il termine del 29 febbraio 2020, unitamente ai pdf relativi alla documentazione probante richiesta dall’INAIL.

Quali sono gli interventi migliorativi che consentono la riduzione del premio INAIL?

L’INAIL, nella guida alla compilazione del modello OT23,  specifica gli interventi che vengono considerati validi ai fini della concessione del beneficio in ragione della loro valenza prevenzionale. Come sopraddetto, gli interventi devono essere stati realizzati nell’anno solare precedente quello di presentazione della domanda: pertanto, per le domande da presentare entro il 29/02/2020, gli interventi dovranno essere quelli dal 01/01/2019 al 31/12/2019.

Il modulo di domanda articola gli interventi nelle seguenti sezioni:

  • A Interventi di carattere generale
  • B Interventi di carattere generale ispirati alla responsabilità sociale
  • C Interventi trasversali
  • D Interventi settoriali generali
  • E Interventi settoriali.

Nel modulo sono previsti interventi “generali” che riguardano l’azienda, ossia realizzati su tutte le PAT (Posizione Assicurativa Territoriale) dell’azienda, ed interventi di cui sono destinatarie solo singole PAT. In generale, gli interventi possono essere realizzati in tutti i settori produttivi, ad eccezione degli interventi Settoriali Generali (SG) che possono essere realizzati solo dalle aziende appartenenti a determinati settori produttivi, individuati dallo specifico riferimento delle Tariffe dei premi di cui al decreto del 27 febbraio 2019.

Nel nuovo modello OT23 è da segnalare l’introduzione di alcuni nuovi interventi di miglioramento, come quelli previsti nella sezione C, che si riferiscono al reinserimento lavorativo di dipendenti affetti da disabilità da lavoro, alle modalità del servizio di trasporto da casa al lavoro per i lavoratori in orario notturno, e alla realizzazione di interventi per contrastare il verificarsi di rapine.

E’ stata anche introdotta tra gli intervento migliorativi,  l’adozione delle prassi di riferimento per la responsabilità sociale delle imprese (RSI)  per edilizia e artigianato (Uni/PdR 49:2018 – costruzioni e Uni/PdR 51:2018 – micro e piccole imprese).

Tra gli interventi giudicati positivamente per la richiesta di riduzione sono indicati, come nelle precedenti edizioni, l’adozione o il mantenimento di sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro idoneamente certificati, le asseverazioni rilasciate da organismi paritetici, la segnalazione di quasi infortuni o di mancati incidenti sul lavoro, le iniziative di formazione adottate, le agevolazioni sociali concesse ai lavoratori, le convenzioni stipulate con le Asl per le campagne contro il fumo, l’abuso di alcool e di sostanze stupefacenti, e di adozione di corretti stili di alimentazione. Da quest’anno, anche la partecipazione al premio “Imprese per la sicurezza”, promosso e organizzato annualmente da Inail e Confindustria in collaborazione con APQI e Accredia, rientra tra gli esempi positivi citati nel modulo.

Gli interventi migliorativi richiesti dall’INAIL rientrano tra i servizi offerti da Nord Pas ai propri clienti: se vuoi saperne di più clicca qui:

 

drone cantiere app HSE

Come avviene l’attribuzione del punteggio?

Il sistema per poter ottenere la riduzione del tasso medio di tariffa è abbastanza semplice, poiché ad ogni intervento è attribuito un punteggio: è necessario che l’azienda abbia effettuato interventi tali per cui  la somma dei punteggi sia pari almeno a 100 punti.

Per alcuni interventi, il punteggio è stato differenziato in relazione al settore produttivo di appartenenza dell’azienda, individuato attraverso le voci di tariffa con cui è assicurata l’attività aziendale. Qualora le voci di tariffa che coprono il rischio dell’attività aziendale siano riconducibili a diversi settori produttivi, il punteggio è predeterminato automaticamente in relazione al settore produttivo che prevede il punteggio più elevato.

In generale, per il raggiungimento del punteggio pari o superiore a 100 è possibile selezionare interventi di qualunque sezione del modulo, tranne quelli della sezione B.

Gli interventi della sezione B “Interventi di carattere generale ispirati alla responsabilità sociale” vengono conteggiati solo se la soglia dei 100 punti è conseguita nell’ambito della stessa sezione. L’azienda, infatti, deve aver realizzato interventi ispirati alla responsabilità sociale tali da raggiungere il punteggio pari o superiore a 100.

Inoltre, il punteggio è graduato in relazione alla dimensione aziendale (grandi, medie, piccole e micro imprese ), determinante anche ai fini del numero di condizioni/attività da attuare. Una volta individuati interventi sufficienti a far raggiungere un punteggio almeno pari a 100, è inibita la selezione di ulteriori interventi.

Qual è la documentazione da presentare per ottenere lo sconto INAIL?

E’ importante sottolineare che, la documentazione probatoria dell’avvenuto intervento deve essere presentata insieme alla domanda. LINAIL individua, nel campo “Documentazione ritenuta probante”, per ogni intervento, la documentazione che ritiene probante l’attuazione dell’intervento in oggetto.

I documenti devono riportare la data e la firma del datore di lavoro, ma, a seconda degli interventi, anche di altri soggetti idonei. Per quanto attiene alle azioni riguardanti l’implementazione oppure l’adozione di “procedure”, oltre a data e firma sono necessarie anche l’esplicitazione dei contenuti e delle evidenze documentali di attuazione riferite all’anno 2019.

È facoltà sia dell’azienda che dell’Istituto fornire o richiedere altra documentazione atta a dimostrare quanto dichiarato nel modulo.

Nord Pas supporta le aziende nella compilazione del nuovo modello e nella messa in atto di interventi, sia generali (es. implementazione di sistemi di gestione per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro ISO 45001, modelli organizzati D.lgs 213/01…) sia specifici (interventi formativi finalizzati, interventi per la prevenzione di rischi specifici…), al fine di consentire ai propri clienti di ottenere la riduzione di tariffa.

Come viene applicata la riduzione del tasso INAIL?

Nei primi due anni dalla data di inizio attività della PAT, la riduzione è applicata nella misura fissa dell’otto per cento. La riduzione ha effetto solo per l’anno di presentazione della domanda ed è applicata in sede di regolazione del premio assicurativo dovuto per lo stesso anno, in egual misura a tutte le voci della PAT.

Dopo il primo biennio di attività della PAT, la percentuale di riduzione del tasso medio di tariffa è determinata in relazione al numero dei lavoratori-anno del triennio della medesima PAT.

In caso di accoglimento, la riduzione riconosciuta ha effetto per l’anno in corso alla data di presentazione dell’istanza ed è applicata in sede di regolazione del premio assicurativo dovuto per lo stesso anno. In caso di selezione di un intervento definito “Trasversale Generale” o “Settoriale Generale”, la definizione della domanda (accoglimento o rigetto) riguarda tutte le PAT dell’azienda.

In caso di selezione di interventi definiti “Trasversali” o “Settoriali” la definizione della domanda esplica effetti solo sulla PAT o sulle PAT interessata/e dagli interventi migliorativi in materia di sicurezza ed igiene nei luoghi di lavoro.

Qualora risulti, in qualsiasi momento, la mancanza dei requisiti prescritti per il riconoscimento della riduzione, l’Inail procede all’annullamento della riduzione stessa e alla richiesta delle integrazioni dei premi dovuti, nonché all’applicazione delle vigenti sanzioni.

sicurezza cantieri salute

L’Agenzia Europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (UE-OSHA) ha recentemente pubblicato una relazione generale sugli effetti dei disturbi muscoloscheletrci (DMS) sulla forza lavoro, sulla società e sull’economia dell’Europa.

Questa pubblicazione di novembre 2019, si inserisce all’interno di un progetto dell’UE-OSHA volto ad analizzare dati nazionali ed europei relativi ai DMS, al loro impatto sulla salute e sul lavoro, ai fattori di rischio, alle misure di prevenzione e alle misure adottate per favorire il reinserimento lavorativo.

Cosa sono i disturbi muscoloscheletrici?
Quali sono le cause dei disturbi muscoloscheletrici?
Quali sono i numeri dei disturbi muscoloscheletrici in Europa?

Cosa sono i disturbi muscoloscheletrici?

I disturbi muscoloscheletrici rappresentano uno dei disturbi più comuni legati al lavoro: essi interessano la schiena, il collo, le spalle e gli arti superiori, ma possono anche colpire gli arti inferiori. Il termine “disturbi muscoloscheletrici” (DMS) indica qualsiasi lesione o patologia alle articolazioni o ad altri tessuti.

Come riportato dall’OSHA, i DMS possono essere semplici malesseri e dolori di lieve entità fino a problemi più seri che costringono ad assentarsi dal lavoro e possono richiedere cure mediche. Nei casi cronici più gravi, possono addirittura portare alla disabilità e all’abbandono forzato del posto di lavoro.

I due gruppi principali di DMS sono costituiti dai dolori/disturbi alla schiena e dai disturbi degli arti superiori legati all’attività lavorativa (conosciuti comunemente “disturbi da stress fisici ripetuti”).

mal di schiena

Quali sono le cause dei disturbi muscoloscheletrici?

La maggior parte dei DMS legati all’attività lavorativa si sviluppano nel tempo. Di norma non hanno una sola causa: spesso sono provocati da una combinazione di diversi fattori. Tra le cause fisiche e i fattori di pericolo riconducibili all’organizzazione del lavoro ci sono:

  • la movimentazione di carichi, specialmente quando si ruota o si piega la schiena;
  • movimenti ripetitivi o che richiedono uno sforzo;
  • l’assunzione di posture scorrette o statiche;
  • vibrazioni, scarsa illuminazione o lavoro in ambienti freddi;
  • ritmi intensi di lavoro;
  • il mantenimento prolungato della stessa posizione in piedi o seduta.

I fattori di rischio psicosociali come l’eccessiva richiesta di lavoro o la scarsa autonomia, in concomitanza con i rischi fisici sopraddetti, può aumentare l’incidenza dei DMS.

I tecnici di Nord Pas sono in grado di eseguire valutazioni approfondite dei fattori di pericolo che concorrono a causare DMS: tali valutazioni devono essere parte del documento di valutazione dei rischi.

Quali sono i numeri dei disturbi muscoloscheletrici in Europa?

L’analisi dell’UE-OSHA ha mostrato che i disturbi muscoloscheletrici sono tra i più rilevanti problemi di salute correlati al lavoro.

I dati analizzati dall’agenzia hanno evidenziato che circa 3 su 5 lavoratori in Europa lamenta DMS; tra i più diffusi il mal di schiena e i dolori muscolari agli arti superiori. Un lavoratore su cinque ha sofferto nell’ultimo anno di disturbi cronici alla schiena o al collo; il 60% dei lavoratori con problemi di salute correlati al lavoro identifica i DMS come il proprio problema più rilevante.

L’analisi ha permesso di rilevare che i settori maggiormente interessati a questa tipologia di problemi di salute correlati al lavoro sono: il settore delle costruzioni, dell’agricoltura, il settore forestale e la pesca. Anche il settore sanitario e sociale sono risultati al di sopra della media.

L’indagine dei dati raccolti a livello nazionale, mostra che i DMS sono tra le malattie professionali più comunemente riconosciute in Francia, Italia e Spagna. Tra tutti i casi di malattie professionali riconosciute correlate a DMS, quelli che coinvolgono donne e lavoratori più anziani sono una percentuale superiore rispetto a uomini e giovani lavoratori.

Proprio in considerazione del rischio legato alle malattie professionali, e quindi alle richieste di risarcimento INAIL, è opportuno che il datore di lavoro disponga di strumenti informatizzati per tenere traccia della storia di ogni lavoratore all’interno dell’azienda. Q-81 HSE WEB APP è lo strumento software che facilita queste attività e consente di visualizzare immediatamente nell’anagrafica del lavoratore la sua “carriera HSE”, come mostrato nel video qui sotto.

I ricercatori sottolineano le difficoltà nel calcolare il reale costo dei DMS a livello europeo definito sia come impatto economico sulle imprese, sia come costo sociale per gli stati membri. Alcuni indicatori utilizzati per valutare questi impatti hanno mostrato come, in generale, ci sia un aumento considerevole dei giorni di assenza da parte dei lavoratori che soffrono di problemi muscoloscheletrici cronici e che si possano stimare perdite di produzione rilevanti (ad es. i dati raccolti in Germania nel 2016 contano perdite economiche per mancata produttività per l’1% del PIL).

L’approfondita analisi OSHA indica la necessità di un approccio integrato (che consideri non solo i fattori di rischio fisici ma anche quelli pscicosociali) per prevenire i DMS associati al lavoro.

Cosa deve fare datore di lavoro per prevenire i DMS?

Come per tutti i fattori di rischio trattati dal D.lgs 81/08 il primo passo per il datore di lavoro è quello di elaborare la valutazione dei rischi. Come richiamato anche dai risultati OSHA, per quanto riguarda i DMS, la valutazione dovrà adottare un approccio olistico, valutando e affrontando l’insieme delle cause, sia fisiche sia psicosociali.

Dalla valutazione scaturiscono le azioni di prevenzione e protezione che, come indicato da  possono riguardare:

  • La progettazione degli spazi di lavoro, adeguandoli al fine di migliorare le posture lavorative;
  • La scelta delle attrezzature, assicurando che siano ergonomiche e adatte ai compiti da svolgere;
  • La consapevolezza lavoratori, migliorando e impartendo una formazione su buoni metodi di lavoro – ad esempio, per questa formazione possono essere utilizzate le Multi Media Procedure –  M.M.Pro HSE uno strumento formativo innovativo che consente un elevato livello di coinvolgimento del personale.
  • L’organizzazione delle mansioni, cambiando metodi o strumenti di lavoro;
  • la gestione dei cicli produttivi, pianificando il lavoro in modo da evitare mansioni ripetitive o prolungate con posture scorrette, programmando pause, la rotazione delle funzioni o la riassegnazione del lavoro;

Infine, la collaborazione attiva con il medico competente per il monitoraggio e la promozione della salute di coloro che soffrono o potrebbero soffrire di DMS, deve essere considerata una misura preventiva essenziale. L’implementazione e la gestione di un sistema di prevenzione dei DMS è un servizio che Nord Pas è in grado di offrire ai clienti.

Sistema di gestione 231

La certificazione ISO 37001 è uno strumento per testimoniare che è possibile andare oltre il rispetto dei requisiti minimi legali e adottare un approccio sistemico rivolto alla prevenzione e al contrasto della corruzione e alla diffusione della cultura della trasparenza.

La corruzione: un rischio sempre più rilevante

Come è stato approfondito in un precedente articolo, l’Italia il Paese con il più alto livello di corruzione in Europa in termini assoluti. Ogni anno vengono persi, infatti, 236,8 miliardi di ricchezza, circa il 13 per cento del prodotto interno lordo, pari a 3.903 euro per abitante. Queste cifre rendono evidente la necessità di un intervento e di una presa di posizione da parte sia della autorità governative sia delle organizzazioni stesse. Per queste ultime la certificazione volontaria, secondo la norma ISO 37001, si pone come un approccio globalmente accettato per la conformità anti-corruzione e rappresenta un passo significativo nella lotta al fenomeno corruttivo a livello globale.

Come sottolineato anche dal Accredia, l’ente italiano di accreditamento, la norma ISO 37001 costituisce uno standard di gestione che costituisce “un‘opportunità per l’azienda di sviluppare una cultura di trasparenza, conformità e integrità.

trasparenza sistema di gestione ISO 37001

Quali sono i vantaggi della certificazione ISO 37001 per le aziende?

I fattori che portano un’organizzazione a certificarsi ISO 37001 sono certamente legati alla volontà di evitare o mitigare i costi ed i rischi connessi al verificarsi di episodi di corruzione, ma sono anche altri i vantaggi che derivano dall’adottare un approccio sistemico, rivolto alla prevenzione e al contrasto della corruzione, che supera il rispetto dei requisiti legali minimi ed è orientato al miglioramento continuo.

Una qualsiasi azienda, di ogni dimensione e settore, con l’implementazione di un sistema di gestione conforme alla norma ISO 37001 può accrescere la fiducia del mercato nelle modalità con cui l’impresa svolge la propria attività poiché gli amministratori potranno dare concreta evidenza che hanno garantito adeguati controlli per la prevenzione dei rischi connessi alla corruzione.

Inoltre, l’esistenza di un sistema di gestione per la prevenzione della corruzione può consentire agli stakeholder (azionisti, investitori, clienti, fornitori…) un riscontro dell’applicazione di misure di controllo e prevenzione interne, che includano la valutazione di questioni etiche e di integrità morale, e che possano essere uno strumento di difesa da parte dell’organizzazione in caso di controversie.

Ad esempio, nei casi di rischio ex D.Lgs. n. 231/2001, la certificazione rilasciata da un ente autorevole e indipendente costituirà evidenza concreta sia della mancanza di gravi carenze organizzative, evitando l’applicazione di misure cautelari molto incisive, sia dell’adozione ed efficace attuazione di un idoneo modello organizzativo anti-corruzione, permettendo all’ente di dimostrare l’eventuale esenzione da responsabilità.

Ulteriori vantaggi riguardano il mondo delle gare d’appalto pubbliche:

  • la certificazione ISO 37001 potrà essere utilizzata a riprova del possesso del requisito di cui all’art. 3, comma 2, del Regolamento attuativo del Rating di Legalità, che richiede l’adozione di modelli organizzativi di prevenzione e contrasto alla corruzione ai fini dell’assegnazione di un +, utile alla maggiorazione del punteggio (Delibera AGCM del 14 novembre 2012, n. 24075)
  • per quanto riguarda il mondo dei contratti con soggetti pubblici, l’impiego della certificazione ISO 37001 può essere un elemento premiale per il rating d’impresa ai sensi dele Linee Guida ANAC.

Un esempio concreto: la certificazione ISO 37001 di una società di servizi

Un esempio dei risultati che possono essere conseguiti con la certificazione ISO 37001 è quello ottenuto da Euro&Promos F.M. Spa, azienda cliente di Nord Pas, leader nel settore del facility management con oltre 800 cantieri in tutta Italia e oltre 5.000 lavoratori impiegati.

Euro&Promos è la prima società di servizi del Friuli Venezia Giulia, e tra le prime in Italia nel settore multiservizi, ad aver ottenuto la certificazione del proprio sistema di gestione anti corruzione secondo lo standard internazionale ISO 37001.

La società ha implementato il proprio sistema di gestione anticorruzione ottenendo 3 stellette nel rating di legalità attribuito dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Questo punteggio è uno strumento fondamentale per la concessione di finanziamenti e crediti sia da parte di pubbliche amministrazioni (attraverso sistemi di premialità) sia da parte delle banche. L’azienda, supportata dalla società di consulenza Nord Pas 14000, che ha accompagnato l’organizzazione nella strutturazione del sistema in tutte le sue fasi, ha completato un percorso articolato e specifico in grado di attestare la conformità e la consapevolezza del rischio corruzione.

sistema di gestione anticorruzione

Come Euro&Promos ha raggiunto la certificazione ISO 37001

Il processo che ha condotto al conseguimento della certificazione del sistema di gestione anticorruzione secondo la norma ISO 37001 si è articolato mediante i seguenti step:

  • Coinvolgimento dell’alta direzione dell’azienda nel progetto anti bribery
  • Definizione della Politica per l’anticorruzione dell’organizzazione, comunicazione ai lavoratori e pubblicazione sul sito Internet;
  • Mappatura dei processi e risk assessment per l’anticorruzione;
  • Definizione ed adozione dei controlli finanziari e non finanziari
  • Definizione del piano della formazione in materia di anticorruzione,
  • Nomina della funzione di conformità per la prevenzione della corruzione;
  • Definizione del processo di audit interno;
  • Riesame dell’Alta Direzione e Riesame.

Nord Pas ha supportato l’azienda nell’implementazione di questo sistema di gestione attraverso le competenze multidisciplinari dei suoi tecnici e collaboratori (sistemisti, legali, project e ICT manager). La certificazione ISO 37001 va ad arricchire la già collaudata struttura di sistema dell’azienda che opera già secondo diversi standard internazionali, anche integrati, quali:

  • ISO 9001 (qualità)
  • ISO 14001 (ambiente)
  • OHSAS 18001 (sicurezza sul lavoro)
  • SA 8000 (etica)

Euro&Promos ha scelto di gestire i processi legati ai sistemi di gestione con il supporto di una piattaforma software, come Q-81 HSE WEB APP , pensata e realizzata proprio con l’obiettivo di garantire la compliance dei sistemi di gestione alle norme ISO di qualsiasi tipo.